Today's Highlights

Fun & Lfestyle

Food

Latest Updates

Generazione punto zero

maggio 19, 2018
Tutto inizia  quando ricevo una mail per l´autorizzazione dei cookie GDPR.
La cosa mi ha fatto riflettere molto.
Siamo condizionati e ossessionati dalla tecnologia e dai media che non ci stanno facendo vivere più una vita,
Il discorso è molto più ampio  si fanno nuove leggi sul cyberbullismo per tutelare giovani e meno giovani che vengono bullizzati su internet (ho fatto un post qui), ed invece sottovalutiamo l´idea di  moderare l´uso di tutta questa tecnologia a cui siamo ossessionatamente abituati.
Ci alziamo al mattino con l´allarme sul telefonino o con la sveglia silenziosa con vibrazione del Fitbit che abbiamo al polso. E viviamo la giornata tra Selfie,fotografando ciò che mangiamo, contando i Like,controllando Facebook ogni minuto,mandando  Tweet, messaggiando l´amica su Telegram e contattando il Servizio Clienti tramite Whatsapp.
Ma secondo voi questa la considerate vita?
No! Questo è solo un atteggiamento a cui non ci possiamo più sottrarci perchè la vita ormai è tutta tecnologica.
Io non sono contraria alla tecnologia,ma dobbiamo utilizzare questi mezzi e darci il giusto peso. Ed invece ci ritroviamo con il naso incollato al video a vedere quanti like  riceviamo. Perchè chi nè ha di più secondo la scala sociale dei media è il  più figo,più cool.
Una volta si fantasticava si seguivano i sogni adesso si costruisce nella testa una vita virtuale,si costruisce un personaggio d´ispirazione che corre su internet ma che haimè non siamo Noi veramente.
Internet è una bella cosa,ma come tutte le cose il troppo storpia!


Sto diventando vecchia? - Non credo proprio e che ultimamente mi piace più pensare e sono consapevole  a quante belle abitudini mi ha fatto abbandonare l´uso inappropriato di internet-social media&Co.
Ho perso quasi l´abitudine di abbracciare una persona e di dire in faccia il T.V.B. di una volta, per non parlare tutte le volte che siamo al ristorante e ognuno è  isolato per registrarsi su Facebook,scrivere recensione del locale,o scattare il bel piatto che si sta mangiando. Dove se nè andata l´intimità di una volta, gli sguardi,il corteggiamento?
Queste cose mi stanno facendo molto male, ecco perchè sto incominciando un lavoro sulla mia persona.
Di tutto quello che "mi sono costruita" su internet non lo userò più (Social,Pagine Facebook,Profilo privato Facebook,Instagram e niente più Hashtags) rimango solo con il mio blog  e faccio al più presto piazza pulita di Pubblicità anche sul mio blog, elimino sponsor e link di affiliazioni.

E nella mia vita privata, sto tendando di eliminare lo smartphone. Adotto decluttering da sempre,ma ancora non sono a fondo sulla questione. Mi accorgo che ancora MI arrivano tentazioni di consumismo e questo non va bene.
Devo riuscirci e non sarà difficile se realmente lo voglio.
Come vedo la mia vita tra dieci anni?
Nè abbiamo parlato a lungo con mio marito. Abbandonare il lavoro fare bagagli e andare altrove (ma questo in un altro post) Rimanete sintonizzati.
Voi potete ovviamente se volete!

 Vi abbraccio tutti!

Reinserirsi nel mondo del lavoro

maggio 03, 2018
Dopo questo lavoro il 1 gennaio mi sono ritrovata disoccupata.In tutti questi anni da espatriata  dopo un mese di disoccupazione il lavoro arrivava sempre,ma questa volta è stato diverso.

Premetto che le offerte di lavoro sono cambiate,adesso ti spiego il perchè. Ma prima voglio farti presente che il mio lavoro è la Gastronomia quindi ho una vasta scelta  dove lavorare.

Un aiuto-cuoco può lavorare nei classici ristoranti, nelle scuole, nelle mense, nelle cucine degli ospedali delle case di cura. Oppure puoi candidarti nella produzioni di alimenti e quindi in tutti quei negozi di snack veloci, o nelle panetterie,e se ci metti un pizzico di  esperienza con cassa e vendida puoi candidarti sia in produzione che in vendida in negozi e chioschi. Ma se puoi anche lavorare nelle case di cura come Cameriera ai piani a dividere il cibo ai pazienti.

Come vedi alla fine lavorare in Gastronomia sembra riduttivo ed invece con un pizzico di fantasia puoi ampliare la visione. Cosa che ho capito con il tempo e sulla mia pelle, provando, licenziandomi ed accettando sempre nuove sfide con me stessa. Ma malgrado tutto  attualmente le offerte sono cambiate nel senso che oltre a quello che ti ho prospettato prima se cerchi nelle grandi cucine (intese come cliniche, case di cura e ospedali) oltre all´aiuto in cucina devi fare anche il lavapiatti. Non ho nulla in contrario con il mestiere di “lavapiatti“nè tantomeno voglio denigrare i lavori, ma io se mi candido come aiuto in cucina non voglio che mi cambiano il lavoro solo perchè sono straniera o perchè non ho una formazione professionale.

Mi è capitato di dirlo al responsabile di cucina ,che non avevo intenzione di lavare i piatti e lui mi ha detto che potevo andarmene a casa, cosa che effettivamente ho fatto. Ho tolto gli abiti di lavoro e me ne sono andata,risultato mi sono licenziata. Io la vedo come una mancanza di rispetto,forse dovrei essere più elastica,ma sul mondo del lavoro devi anche riuscire a non farti prevaricare.

Click To Tweet

Il consiglio che posso darti

Valuta ogni candidatura e domandati perchè ti piacerebbe lavorare in quel posto,la fretta e la paura ti fanno trovare lavori di cui te ne pentirai.
E così ho fatto due prove: in una casa di cura,in una clinica  e la terza prova il lavoro è stato mio. Una panetteria!

Pudding della Milka

maggio 03, 2018

Non ho mangiato più zuccheri per un bel periodo ma adesso ci sono ricascata,anche se sto mangiando cioccolato fondente.
I budini e le creme che vendono al banco frigo,quelli sono banditi da me perchè sono troppo dolci e non sono mai nè troppo budini nè troppo mousse.
 Ma quando ci sono le novità onestamente non mi trattengo,siamo troppo presi dalla pubblicità che ci fanno il lavaggio del cervello che devi necessariamente assaggiarle.
Così l´ho comprato. Premetto con il dire che la Milka l´ho mangiata volentieri il primo anno che ero in Germania perchè mi sono accorta che le tavolette di cioccolata a differenza di quelle italiane sono più buone,anche se troppo dolce.

 Questo fatto cerco di sottolinearlo,perchè anche se sono un amante del cioccolato,non amo le cose dolcissime.
 Persino i Cookies o le porzioni di tortine che vendono sempre della Milka,hanno questa stucchevolezza.
Ma parliamo del Pudding.

Quanto costa?

Della marca Milka al banco frigo trovi pudding e mousse. Ho comprato un vasetto di pudding per soli €0.69 hanno una scadenza breve e questo significa che ci sono pochi conservanti.

Gli ingredienti

latte scremato, zucchero, panna montata, cioccolato al latte, amido modificato, cacao magro, cioccolato, stabilizzante: fosfato di sodio, addensante: carragenina aroma.

È una mousse o un pudding?

Ecco voglio precisare che è un pudding non è la solita crema al cioccolato che vendono.Peccato che è molto dolce,forse sarà una caratteristica della Milka,ma a me personalmente non piace.

Quante calorie ha il pudding?

Il vasetto è di 150 gr e ha 206 Kcal che non mi sembrano pochi.

Lo ricompri?

Assolutamente no.Per il mio gusto è davvero stucchevole come sapore.


 Vuoi iscriverti alle newsletter-extra? Clikka qui Vi abbraccio tutti!

Vi porto dinuovo a casa mia

maggio 03, 2018
Ho come al solito spostato qualcosa a casa e per essere precisi eliminato qualcosa. La camera da letto ha abbandonato la sua scaletta DIY (che aveva accolto per Natale addobbi e lucine) e quindi è rimasta molto pulita nel suo insieme.

Nel soggiorno il tavolo è stato spostato sotto la luminosa finestra. Il davanzale della finestra ospita sempre piante verdi e fiori ed è piacevole fare colazione o pranzare con tanta luce e con il verde. Il soggiorno per chi se lo ricorda nella sua versione integrale qui, abbiamo tolto l´angolo. Questo angolo è sempre stato un punto morto, un accumulo di polvere e punto per nascondere qualsiasi cosa dietro al televisore,un deposito insomma.


Così abbiamo eliminato l´angolo è spostato la vetrina con le due ante accanto alla vetrina con i vetri. Creando così solo una parete con i mobili. Al momento il televisore viene poggiato nel pezzo che abbiamo levato,ma presto compreremo una console per il televisore

Accanto alla finestra troviamo la scaletta che diventata cornice per le foto di viaggio. Che con il sole che entra dalla porta a vetro che da sul terrazzo crea dei giochi di colore con i diversi colori delle foto.

Nell´ingresso finalmente ho eliminato lo specchio che per dieci anni mi aveva accompagnato e messo un altro quadro sopra la scarpiera che il suo piano mi funge come punto di appoggio per svuotare le tasche, qualche candela e il manichino da disegno in legno.

Nel mio piano da lavoro ho comprato per dieci euro questa sedia da ufficio e coperta con questa “finta pelle di pecora”. Questo federa-cuscino che vedete è stato ricreato da una borsa che avevo in canvas di Ikea. Ho tagliato la tracolla messo il cuscino dentro e annodato con dei fiocchi per chiudere il cuscino. Il pattern mi piaceva molto e mi ricorda le stampe africane.
Io non riesco ad avere una casa statica,ma ho bisogno di girare insieme alle cose e di vivere nuovi punti di vista. E voi che tipo di donne siete?

 Vuoi iscriverti alle newsletter-extra? Clikka qui Vi abbraccio tutti!

Apre Primark a Monaco di Baviera

aprile 16, 2018
Ph © primark.com
Io vi avviso ragazze "Mantenete la calma!"
Il 17 maggio  finalmente apre   Primark  a Monaco di Baviera ubicato al centro commerciale di Neuperlach.
 Così se vieni in vacanza  a Monaco di Baviera puoi fare shopping sfrenato nel tuo amato Primark,mescolandoti a migliaia di persone che aspettano con ansia la sua apertura.

Ma perchè piace così tanto Primark?
Non nego che pochi giorni fà anch´io credevo di amare Primark. Figurati che quando sono andata a Londra ho fatto tappa da Primark  ho preso un paio di pigiami una tazza caffe to-go (che ho buttato), due maglie (che le ho consumate lavorando) e dei calzini che solo qualche paio resistono  alla seconda stagione.
Da Primark fai lo shopping  low-cost prodotti più alla moda e glamour anche se io gli affari li faccio a Monaco di Baviera con capi di migliore qualità.
Se vuoi  comprare economico puoi andare da Tkmaxx per esempio a seguire  H&M.Mango o Zara.
Primark la vedo un po´ per i teenagers che con la paghetta si comprano qualcosa.
Per quanto riguarda la qualità sono un pò cineserie,nulla di contrario con i Cinesi ma la qualità lascia a desiderare. Secondo me il brand  è solo una questione di moda.
Si compra per fare Haul su internet, però fatemelo sapere se non è così e dammi delle buone ragioni per comprare da Primark.

Come arrivare  da Primark

Da Karlsplatz (Stachus) prendi U5
(circa 8 fermate scendi a) Neuperlach Zentrum
4 minuti a piedi fino a Ollenhauer Strasse 6
e trovi
Einkaufscenter PEP Neuperlach

Cosa penso io degli haters e del cyberbullismo.

aprile 14, 2018
Questo post ha un sapore diverso dai miei soliti post del blog.
Da due anni seguo Youtube e ultimamente mi sono imbattuta su storie di Gossip,di bullismo,alimentate dagli Haters. Ma facciamo chiarezza.
Chi sono gli haters?
Una volta si chiamavano Troll  adesso prendono il nome di haters, ma sostanzialmente sono persone che con false identità nickname lasciano commenti negativi, insultano le persone, mirando proprio su difetti  delle persone.
Quindi gli haters sono persone pericolose, ma  possono risultare un taglio a doppio gioco sopratutto se si parla di influencer o di  Youtube. 
Più gli haters commentano, più hai visualizzazioni più guadagni. Questa è una equazione semplice ,anche se ti fai il fegato marcio perchè magari non riesci più a  sopportare-controllare questi insulti.
Con questo post non voglio far nascere fraintendimenti che bisogna attorniarsi di haters pur di aumentare i redditi di Sponsor o Partnership sul Canale o Blog che sia, ma bisogna mettere le carte in tavola una buona volta per tutte.

  • Se hai un blog un canale ti stai mettendo in gioco. Sei tu poi alla fine che decidi cosa voler far conoscere al tuo pubblico e cosa no, ma a volte succede che gli haters scoprono più cose di quello che tu effettivamente hai messo online. 

E sta a te poi decidere se e quando andare dalla Polizia,denunciare per Stalking o denunciare alla Polizia Postale per Cyberbullismo. legge n.71/2017
Perchè l´ haters non ha un cazzo che fare?  Sei tu che attiri gli Haters?  Perchè ha scelto proprio te?
Quello che attira un hater secondo me  è l´invidia, ma dai come può invidiarmi  ed odiarmi allo stesso modo? Perchè un hater è una persona che non ha mai avuto niente dalla vita,e passa tutto il giorno ad invidiare la gente che fa o che ha qualcosa.
Il cyberbullismo (che poi sono cose correlate)  si può combattere sopratutto con l´indifferenza
Lo so che tutti non siamo uguali e che ci sono persone molto deboli che prendono gli insulti come un caso personale,ma secondo il pensiero del hater "-tu ti metti online e hai il diritto di assorbire complimenti o insulti in parità di merito." Lo so che non è così,ma devi comprendere il pensiero malato di queste persone.
Ma dove sta l´educazione-netiquette?
Perchè parliamo tanto di educazione virtuale,quando invece manca quella della vita reale.
Se io non posso mettere la cicca  nella toppa di casa  del mio vicino,perchè devo hackerare il profilo di Instagram di xxx. Secondo me il paragone regge eccome.
Malgrado tutto  di persone irrispettose e maleducate ne è pieno il mondo e purtroppo è così che va il mondo.
Sta nascendo invece un´altro fenomeno tra  le Youtubers Italia in questo periodo che pur di fare visualizzazioni, like e click si stanno  ingiurando, diffamando e calunniando tra di loro. Perchè loro al contrario degli haters  ci  mettono la faccia e  sono persone della stessa Community. Trovo queste oscenità molto meschine ed indecorose. Quando si dice... "Quel che non si fa per i soldi!"

Conclusioni di cosa penso io degli haters ed esperienze personali.

  • Anni fà sono stata vittima di Troll non nel mio blog ,ma in un forum,dove tra l´altro ho conosciuto mio marito. Questo mi aveva preso di mira,ad ogni post che rispondevo o aprivo c´era sempre la sua lingua velenosa a ferirmi. E sai cosa succedeva? Non sono un tipo che si strappava i capelli ma un tipo che  rispondevo per le rime. Ma era sbagliato perchè non solo alimentavo ancora la sua cattiveria, ma era un tira e molla che non finiva mai. La cosa giusta da fare dovrebbe essere il non rispondere ,ma lo sai che non è fattibile perchè stai li a rimuginare tutto il santo giorno quelle parole. Forse non dovrei scrivere queste cose,ma sai cosa è successo pochi mesi fà?  Sono venuta a conoscenza che il mio Troll a causa di un incidente è morto. Mi sono dispiaciuta molto per l´accaduto,una persona che muore riempie il cuore pieno di tristezza. Ho pensato a che cazzo di vita ha fatto. Era sempre nel virtuale a criticare ed insultare la gente e poi il Karma è arrivato.
  • Molto tempo fà facevo parte di un gruppo sui Social. Alla fine se stai in gruppo cè sempre un leader che  comanda. Quando  ho detto tramite mail quello che effettivamente pensavo io,da un giorno all´altro mi hanno fatto fuori dal gruppo. E nessuno di quel gruppo è mai venuto a cercami per capire effettivamente cosa era successo.
  • Voglio raccontarti ancora un altra storia  che tengo sul groppone da tanto tempo. Una persona ha messo online un negozio di oggetti creati da lei di cui ne era pieno il web. Con enorme successo alla fine,per carità.Vendeva e aveva preso il classico colpo di fortuna. Mi sono messa a farlo io, un pò alla carlona perchè alla fine poi mi scoccia,non riesco ad essere costante e così via. È successo il passa parola sui Social che stavo copiando lei quando poi lei a sua volta aveva copiato idee di Pinterest di cui è pieno il canale. Mi hanno fatto fuori, dicendomi che non si fa e che non è giusto copiare l´arte degli altri. Ma arte de chè? Anche in arte tutte le cose sono state già fatte ognuno prende ispirazione dall´altro,ma mette sempre del suo. E così che si allontanano definitivamented al mio blog.
A me effettivamente non mi interessa una cippa di tutto questo che successo. Io ho questo blog che scrivo da dieci anni,dove qualche volta ci ho guadagnato ,ma scrivo sempre e appunto le mie ricette e tutto quello che mi piace. Mi fa piacere che mi seguite e che mi leggete,per carità.
Internet è grande come il mondo. Io tra tutte le cose che ho da fare trovo il tempo di scrivere,si anche se ho un blog decennale e ancora a livelli amatoriali,ma è una cosa mia.

 Adesso potete lasciare i commenti qua sotto, se la pensate diversamente da me non significa che siete haters. Gli haters sono persone maleducate che insultano gratuitamente.

Vi abbraccio tutti!

Vuoi iscriverti alle newsletter-extra? Clikka qui

Viaggio a Ulm - Baden-Württemberg

aprile 11, 2018
Buongiorno
per chi mi segue su instagram sa che abbiamo fatto una fuga d´amore di due giorni.
Approfittando delle belle giornate e del pulman  Flixbus siamo stati un paio di giorni ad Ulm città del Baden-Württemberg.  Divisa dal Danubio Blu e vicina a Monaco di Baviera 200 Km.circa.
Siamo partiti da ZOB München alle 7:00 in punto ed arrivati intorno alle 9. Da Fern-Busbahnhof dove arrrivano i bus andate difronte a Heidenheimer Str. e prendere il Bus 4 fino alla fermata del Rathaus. Il biglietto si fa sul Bus direttamente dall´autista e costa €2.20.
A due passi dalla fermata del Rathaus trovate  BrotBar in Neue Str. 74. Ve lo consiglio abbiamo preso una colazione per due con panini uova marmellata affettati e succo d´arancia a €14.50.
Da lì ci siamo recati al quartiere dei pescatori (Fischerviertel) dove avevamo l´hotel.
Con lo stomaco pieno già si incominciava a ragionare bene e non avevamo neanche l´inpiccio del trolley perchè per due giorni ci siamo portati solamente degli zaini.



Il nostro hotel era Schmaler Haus in Fischergasse 27. Anche se poi ci sono tre stanze fuori l´albergo percorrendo un piccolo ponticello. La nostra era "Blauzimmer" (la camera sul Blu come chiamano loro il Danubio). Che era un appartamento con zona soggiorno,zona cucina,bagno e camera da letto. Nespresso a disposizione e bollitore tutto compreso nel prezzo.
La vista rigorosamente sul fiume. Posto davvero magico,dalle case a graticcio  quasi che si toccano, ponticelli, fiume, cascate, il rumore dell´acqua e questo quartiere dei pescatori che ci ha fatto innamorare in questi due giorni.
La nostra camera era difronte al rinomato albergo sbilenco dal Guiness dei primati il cosidetto Hotel Schiefes Haus. Che dire ci siamo davvero rilassati,il rumore dell´acqua è stato un toccasana per evadere dallo stress quotidiano.
Abbiamo camminato così tanto anche se poi il centro storico di  Ulm dove eravamo noi non è così grande.

A Musterplatz trovi il Duomo di Ulm. La più grande chiesa gotica Europea con un campanile di 161 metri. Ulm è la città dei passeri e di dove è nato Einsten.
Si narra che mentre si costruiva il Duomo dovevano entrare una grande trave che non passava dalla porta. Così la soluzione venne data da un passero che con un rametto nel becco riuscì ad entrare in una piccola fessura muovendo la testa e lasciandola passare longitudinalmente. Così l´esempio venne riprodotta per la trave e da quel momento il passero diventa simbolo di Ulm.


La Stadthaus,con la sua facciata bianca e l'architettura moderna, è in netto contrasto con la cattedrale gotica. Costruita dall´architetto Meier non è stata subito vista di buon occhio dai cittadini di Ulm. Il netto contrasto di questo volume di un cubo con cerchi concentrici ,facciate di vetro, ponti e terrazze che fanno però sempre intravedere l´imponete Duomo.
Insomma Ulm ci è piaciuta davvero moltissimo. E in confronto a Monaco di Baviera sembra che cè meno vita stressata.


Se vi trovate in questa città vi consiglio di andare a mangiare da Zu Forelle. Rinomato posto dove cucinano le trote in ogni salsa. Servizio molto chiccoso e cibo squisito.

Vuoi iscriverti alle newsletter-extra? Clikka qui Vi abbraccio tutti!

Pasqua, tradizioni e casa mia

aprile 01, 2018
Quest´anno siamo  a Monaco per Pasqua.
Anche se siamo solamente  due persone a me piace portare avanti le tradizioni per ogni festa.
Un mix di tradizioni italo-tedesca a cui io ci tengo.
Come ogni Pasqua non manca a casa mia la nostra colazione /brunch  con decori ispirati alla primavera e tanta ovviamente cioccolata.
Quest´anno ho voluto prepare il Pane di Pasqua (Osterbrot) e come prima volta devo dire che riuscito abbastanza bene.
La caratteristica di questo pane è la croce centrale,che richiama la croce di Cristo, quindi viene visto come un pane Sacro che non manca sulle tavole dei tedeschi per Pasqua.
Quando il mio pane lievitava c´era la  croce poi mentre si cuoceva è scomparsa. Devo esercitarmi meglio per la prossima Pasqua,possibilmente devo farla più profonda o se avete dei consigli,lasciatemi un commento qui sotto.



Ricetta Osterbrot (Pane di Pasqua) 🐰🥚🍞🐣
Ingredienti

  • 🔸500 gr farina 00 (io ho utilizzato in Germania la 405)
  • 🔸250 ml di latte
  • 50 ml olio extra-vergine di oliva
  • 1/2 panetto di lievito di birra fresco
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 20 gr zucchero (io ho usato la Stevia 1:1)
  • 🔸2 uova (uno intero ed uno solo il tuorlo)
  • 1 manciata di uva sultanina
  • 1 manciata di mandorle pelate

Procedimento

  1. 🔸In una ciotola mettiamo 1 uovo lo zucchero e il lievito sciolto nel latte tiepido,e a poco a poco la farina mescolando sempre.
  2. Quando l´impasto e´ compatto trasferirlo sul marmo ed impastare con le mani.
  3. Fate un buco nella pasta e mettere l´uva sultanina impastando sempre.
  4. Formare una palla e metterlo a liveitare per 2 ore circa.

Dopo la lievitazione

  1. 🔸Dare la forma di una pagnotta,spennellare con il tuorlo,dare un taglio a croce (come tradizione vuole) e guarnire con le mandorle tagliate a listarelle.
ma vi lascio con un pò di foto di quello che stato oggi e vi auguro una Serena Pasqua.



Vuoi iscriverti alle newsletter-extra? Clikka qui Vi abbraccio tutti!

 
Scritto con il

Copyright © WANESIA. Designed by OddThemes